Il Mart a Palazzo delle Albere

L’antico edificio rinascimentale di Palazzo delle Albere a Trento è stato la prima sede del Mart. Qui il Museo ha esordito nel 1987 e, anche dopo l’inaugurazione del nuovo complesso di Mario Botta a Rovereto, ha proseguito la sua attività fino al 2010 quando ha chiuso per lavori di ristrutturazione.

Oggi è luogo di incontro tra arte e scienza: ospita infatti una programmazione culturale congiunta affidata al MUSE e al Mart, che ne curano le proposte espositive rispettivamente al primo e al secondo piano.

Orari
Martedì - Venerdì 10.00 - 18.00
Sabato, Domenica e festivi 10.00 - 19.00
Lunedì chiuso
Biglietti
Intero 7 €
Ridotto 5 €
Gratuito fino ai 14 anni e persone con disabilità

Come arrivare a Palazzo delle Albere

Via Roberto da Sanseverino, 43, Trento

Autostrada A22, uscita Trento. Usciti dall’autostrada seguire le indicazioni per il MUSE.

In evidenza

Selvatici e salvifici
MOSTRE ed EVENTI

Selvatici e salvifici

Scopri di più

da sabato 23 ott 2021 | a domenica 27 feb 2022
Palazzo delle Albere

La storia del Palazzo

"Il luogo detto per antonomasia il palazzo fuori di Porta Santa Croce merita essere visitato. Vi si va per un ampio e lungo spalleggio di densi alberi e grandi, a man destra de’ quali scorre mormorando un gentil alveo. Arrivando s’apre davanti, come un anfiteatro di pianura, o Piazza distinta in Alberi, e passaggi, formando di sé il Palazzo, quasi bel teatro in prospettiva. Il luogo è posto in isola di forma quadrangolare a Torri con riparo nobile di Balaustrata e regolar recinto di Mura, e Fosse, e Ponte levatoio alle gran Porte".

Michelangelo Mariani, 1673

Conosciuto come Villa delle Albere, per il doppio filare di pioppi originariamente collocato lungo il percorso che conduceva all’edificio, Palazzo delle Albere è rappresentato nelle stampe del XVI secolo in un contesto paesaggistico di grande effetto. Fu costruito tra il terzo e il quarto decennio del Cinquecento su progetto dell’ingegnere militare Francesco Chiaramella per volere di Gaudenzio Madruzzo, padre del futuro Vescovo di Trento ai tempi del Concilio.
L’edificio è a pianta quadrata con quattro torri angolari e la sua struttura ricorda quella dei palazzi quattrocenteschi, con caratteristiche sia di villa sia di fortezza. Anticamente l’esterno doveva essere decorato da affreschi riproducenti un bugnato rustico poi sostituiti da una decorazione architettonica dipinta, oggi quasi del tutto illeggibile.
Al piano terra si trovavano, affacciati sul portico passante, i locali di servizio. I saloni di rappresentanza, tutti originariamente decorati da cicli affrescati di cui restano alcune tracce, erano situati al primo e al secondo piano. Altri frammenti di affresco si trovano sparsi nelle varie sale e nelle torri di sud-est e nord-est.

Diversi avvenimenti dalla fine del Settecento in avanti contribuirono a far decadere questa splendida dimora extraurbana, a partire dall’incendio nel 1796. Quando nel 1858 iniziò la costruzione della vicina ferrovia, l’assetto territoriale cambiò radicalmente e la villa rimase sempre più isolata dal resto della città. Dopo alcuni interventi di ristrutturazione, uno dei quali nel 1867, il palazzo fu abbandonato e ospitò famiglie di contadini che la usarono come cascinale o fienile.
Nuovi lavori di manutenzione si fecero nel corso del Novecento finché nel 1969 l’edificio fu acquistato dalla giunta provinciale che ne ordinò il restauro concluso nel 1978.

Dal 1981 a Palazzo delle Albere è attivo uno spazio dedicato all’arte moderna e contemporanea. Nel 1987 diventa la prima sede del Mart: qui il Museo ha proseguito la sua attività fino al 2010 quando ha chiuso per lavori di ristrutturazione.

Il giardino delle sculture del Mart

La storia del Mart

Scopri di più