La forza del vero
I Pittori moderni della realtà

Mostra - da domenica 15 mag 2022 | a domenica 18 set 2022

  • Antonio e Xavier Bueno, "La carrozza (Passeggiata alle cascine)", 1942

    Antonio e Xavier Bueno, "La carrozza (Passeggiata alle cascine)", 1942
    Antonio e Xavier Bueno, "La carrozza (Passeggiata alle cascine)", 1942, olio su tela, 100 X 150 cm, Collezione privata

  • Pietro Annigoni, "Sermone della Montagna", 1938-1953

    Pietro Annigoni, "Sermone della Montagna", 1938-1953
    Pietro Annigoni, "Sermone della Montagna", 1938-1953, tempera grassa su tela, 300 x 400 cm, Collegio Ghislieri, Pavia

  • Gregorio Sciltian, "Natura morta", 1935

    Gregorio Sciltian, "Natura morta", 1935
    Gregorio Sciltian, "Natura morta", 1935, olio su tela, Mart, Collezione VAF Stiftung

  • Alfredo Serri, "I libri", 1944

    Alfredo Serri, "I libri", 1944
    Alfredo Serri, "I libri", 1944, olio su tela, 50 x 60 cm, Museo Civico Pier Alessandro Garda, Ivrea

Quando
da domenica 15 mag 2022 | a domenica 18 set 2022
Prezzo
Intero 11 €, ridotto 7 € (biglietto unico per tutte le mostre in corso)
Credits
Da un’idea di Vittorio Sgarbi. A cura di Beatrice Avanzi, Daniela Ferrari e Stefano Sbarbaro
Dove
Mart Rovereto
Tipologia
Mostra

Nel biennio 1947-1949 i Pittori moderni della realtà si schierano contro gli esiti del modernismo e gli “abbagli” dell’École de Paris, in difesa della grande tradizione pittorica italiana. Il gruppo è costituito da Gregorio Sciltian, Pietro Annigoni, Antonio e Xavier Bueno al quale si aggiungono successivamente Giovanni Acci, Carlo Guarienti e Alfredo Serri. Cinque le mostre organizzate in breve tempo tra Milano, Firenze, Modena e Roma.

Ciò che accomuna i Pittori moderni della realtà è il desiderio di una rinascita della pittura che corrisponde a una parallela rinascita dell’umanità dopo la distruzione, le privazioni e la sofferenza del recente conflitto mondiale. Nella ricerca di virtù artistiche pure, reali ed eterne, c’è il desiderio di valori morali e spirituali assoluti, l’aspirazione a quella autenticità che ritengono possa essere rintracciata solo nella “vera pittura”. I Pittori si scagliano duramente contro le decadenti espressioni artistiche di molti contemporanei, a cui contrappongo una rievocazione di antichi e più alti modelli stilistici, provenienti dal passato. Seppur apprezzati dal pubblico, i sette vengono disapprovati dai critici che considerano la loro pittura anacronistica. In breve tempo il gruppo si disgrega: le distanze ideologiche, le incompatibilità culturali e le differenze anagrafiche portano in breve alla fine di una notevole e originale vicenda artistica.

A settant’anni dalla conclusione di questa breve esperienza, il Mart dedica una mostra ai Pittori moderni della realtà che sottolinea la comunanza d’intenti che li unì. Il progetto curatoriale consente inoltre di approfondire le ricerche sulle carriere dei singoli artisti, già note agli studiosi per ricchezza e complessità, e di ricostruirne la significativa parabola all’interno della storia dell’arte italiana del XX secolo.

Acquista il biglietto

Scarica il comunicato stampa

La forza del vero. I Pittori moderni della realtà

Ti potrebbero interessare anche